Jul 19, 2018 Last Updated 5:31 PM, Jan 29, 2017

Intervista a Yukimitsu Hasegawa - 7 volte Campione del mondo di Karate

Pubblicato in KaratebyJesse
Letto 5878 volte
Vota questo articolo
(1 Vota)

Articolo tradotto con l'autorizzazione dell'autore Jesse Enkamp.

Articolo originale: http://www.karatebyjesse.com/10-important-karate-details/ 

7 volte campione del mondo.

Hasegawa

Suona come qualcosa che un falso-maestro "McDojo" avrebbe messo sul suo biglietto da visita.

Ma…

Nel caso di Yukimitsu Hasegawa, è davvero così.

Nato e cresciuto nella culla del karate moderno, sensei Hasegawa è stato a lungo conosciuto come l'uomo di punta del trio dinamico dei fratelli Hasegawa, vincendo titoli mondiali WKF per molti anni sia nel kata individuale e a squadra.

Egli in realtà ha reso popolari molti dei kata utilizzati in gara oggi.

Dopo una carriera come questa, la maggior parte delle persone probabilmente smette di praticare Karate, giusto?

Non Hasegawa Sensei.

Infatti, quando non è occupato a fare il coach, o in viaggio ad insegnare - compete ancora in tornei locali o segretamente si unisce agli allenamenti in altri dojo!

(Fidati di me, mi sono allenato con lui sotto la direzione di Sakumoto Tsuguo a Okinawa questa estate. Immaginate la mia sorpresa quando ho improvvisamente scoperto di praticare kata accanto alla leggenda Hasegawa Yukimitsu!)

E 'anche un brillante ballerino di salsa, ma questa è un'altra storia. ; -)

Ora, grazie ai miei amici di SportivArt, sono riuscito ad avere l'occasione di rubare 30 minuti di tempo per questa intervista esclusiva con lui.

Siete pronti?

jesse_hasegawa

J (Jesse): Prima domanda! Quando e perché hai iniziato il Karate?

YH (Yukimitsu Hasegawa): "Ho iniziato quando avevo 15 anni, semplicemente perché ho visto mio fratello maggiore praticare karate. Sembrava divertente ".

J: Hai vinto tornei fin dall'inizio?

YH: "Oh no [ride]. Ero davvero negato in un primo momento! Ma dopo l'allenamento con diligenza, alla fine ho ottenuto la mia prima medaglia in tre o quattro anni di pratica."

J: Il Karate è cambiato da quando hai iniziato? Era molto diverso da quello di oggi?

YH: "I principi fondamentali non sono cambiati. Kihon è ancora Kihon. Ma la velocità e la potenza sono sicuramente più importanti oggi, soprattutto nei tornei. C'è maggiore atletismo. Anche l'allenamento è cambiato, come le metodologie e la programmazione".

J: Allora, perché hai scelto di specializzarti nel kata, e non nel kumite?

YH: "Prima di tutto, nel mio dojo non abbiamo mai separato il kata ed il kumite. Sono andati avanti di pari passo. I miei sensei dicevano: "Solo kata, no no. Solo kumite, no no. "Vero Karate contiene entrambi gli elementi. Tuttavia, come sono migliorato, e selezionato per la nazionale giapponese, mi sono specializzato in una direzione.

Dal momento che sia io che i miei due fratelli ci siamo dedicati al kata, abbiamo deciso di formare una squadra, "I tre fratelli". E siamo stati scelti come la squadra nazionale di kata del Giappone.

Ma non fraintendetemi, ho sempre allenato sia il kata sia il kumite nel dojo. Lo faccio ancora. Questo è il Karate. E' solo per le gare che ci sono allenamenti separati. "

J: Giusto. Ma non sei solo un ex campione,  anche un grande allenatore. Quali sono i "segreti" per diventare bravo nel kata?

YH: "C'è solo un segreto. La pratica [ride]! E sempre praticare correttamente. "

J: Che cosa si intende per correttamente?

YH: «Questa è la parte difficile. Non posso rispondere per voi. Questo dipende dall'individuo. Tutti hanno bisogno di una pratica diversa. È necessario chiedersi: "Quale è la pratica giusta per me?" Pensare profondamente alla propria formazione.

Questa mentalità è molto importante, perché si può anche raggiungere un livello molto alto, praticando male! "

J: Davvero?

YH: "Sì, se si pratica in modo non corretto per molti anni, si diventa molto bravi ad eseguire male il Karate".

J: Haha, questo è vero!

YH: "E molte persone non vedono la differenza."

J: Quindi, in generale, quali sono gli errori comuni che si vedono quando le persone cercano di praticare la "via corretta"?

YH: "Ce ne sono molti. Cito solo quelli che vedo comunemente in Occidente. Ad esempio, alcuni praticanti di Karate, in particolare tra gli atleti di kata, sembrano pensare che i movimenti devono sempre essere eseguiti in modo difficile. Sembrano molto rigidi. Nessuna sensazione di fluidità nei movimenti.

Si tratta di un livello molto elementare di waza (tecnica), ma nonostante la formazione per molti anni non hanno mai sviluppato il livello successivo.

Inoltre, vedo un sacco di respirazione artificiale. E' chiaro che lo scopo non è quello di respirare. E' per emettere suoni forti, per sembrare più impressionante. E' lo stesso con l'eccessivo schiaffeggiamento del proprio gi. "

J: In effetti. Quali altre differenze ci sono tra il Karate occidentale e quello Giapponese?DSC07222 (501x640)

YH: "Beh, la mia esperienza con l'Occidente proviene principalmente dall'Europa, e vedo un sacco di Shotokan qui. Molto. Questo è molto diverso dal Giappone, dove i quattro stili principali sono altrettanto popolari. Shito, Shoto, Wado e Goju-Ryu. Tutti sono veramente bravi nei loro rispettivi stili in Giappone! "

J: E' lo Shotokan è simile in Europa e in Giappone?

YH: "No, molto diverso ..."

J: In cosa?

YH: "Molti aspetti. In Europa, le persone hanno superba velocità e potenza. Essi sono molto forti fisicamente. Ma non hanno la minima idea del significato dei movimenti: il bunkai. Questo è qualcosa alla quale pensiamo un sacco in Giappone. Cosa significano i movimenti? Come vengono usati nell'autodifesa?
Se non si conosce questo, non si sta praticando un'arte marziale. Le tecniche diventano sempre più sofisticati quando si conosce il significato dei movimenti, perché in quel caso si può dimostrare la corretta sensazione ".

J: Sono assolutamente d'accordo! Tuttavia, quando insegno bunkai a chi gareggia, iniziano a roteare gli occhi.

YH: "Questo è un errore. Perché anche se si utilizza solo il kata per competere, un buon arbitro assegnerà dei punti in più se non si stanno solo facendo i movimenti tecnici in modo corretto, ma se si esprime anche il vero significato di ogni kata, che si può capire solo praticando bunkai ".

J: Non l'avrei saputo dire meglio! Ora, ecco qualcosa che è stato un errore per me: Quando si guarda al kumite e kata moderno, non sembrano molto connessi. Come si può colmare questa lacuna?

YH: "Con la comprensione di base. Il Kihon collega tutto, sempre. "

J: Spiegami meglio!

DSC01953 (640x372)

YH: "Superficialmente, kata e kumite hanno un aspetto molto diverso. Ma la mentalità deve essere la stessa in entrambi. Stai sempre combattendo. E le basi del combattimento: la forza, il rilassamento, i tempi, la visualizzazione, la potenza e la velocità sono tutti praticati nei Kihon. I movimenti di base, e in particolare la mentalità, di un campione del mondo di kata e un campione del mondo di kumite sono esattamente gli stessi. "

J: Puoi descrivere la tua esperienza preferita o la miglior competizione che ricordi?

YH: "Sì. 1992. campionati del mondo in Spagna, io e i miei fratelli. Medaglia d'oro n° 6. Bel ricordo. Questo è stato l'ultimo campionato del mondo che abbiamo vinto prima di essere introdotte le nuove regole del giudizio a bandierine".

J: Bei tempi! Infine, qual è la sua speranza per il futuro del Karate?

YH: "Seishin".

[Nota: Quando ho sentito questa parola, ho quasi fatto un salto mortale indietro triplo dalla sedia! Seishin è l'esatto nome che ho scelto per la mia uniforme, lanciato di recente Karate (prima crowdfunded del mondo e crowdsourcing gi Karate). Voglio dire, quanto grandi sono le probabilità ?! L'Universo sta sicuramente cercando di dirmi qualcosa.]

J: Uh, che cosa? Seishin? (Con voce calma, cercando di non dare di matto.)

YH:  "Sì, in italiano è 'Spirito'. Spero che il futuro del Karate non sarà solo fatto di tecniche veloci, o di tecniche forti. Voglio che la gente capisca lo spirito del Karate. Conoscere più amici, aiutare i deboli, imparare gli uni dagli altri e vivere una vita piena di significato attraverso il Karate. Questo è 'Seishin' ".

J: E se si potesse dare un consiglio finale per le persone che vogliono raggiungere la grandezza nel Karate, quale sarebbe?

YH:  "E 'impossibile un solo consiglio ... rimanere motivati. Impostare obiettivi personali. Riflettere sulla vostra formazione. Perché ci si allena nel Karate? Per saperne più tecniche? Per diventare un campione? Per proteggere una donna? Trova la tua motivazione, chiedendo "Perché". Poi trova i modi migliori per migliorare. E non mollare mai! "

J: Molto bene. Un ultima parola?

YH: "L'amore e la pace [ride]!"

 

Il Maestro Hasegawa sarà presente allo stage di Follonica (GR) il 22-23 Ottobre 2016 in occasione dello stage di Karate tradizionale e a Firenze il 26 ottobre per uno stage agonistico.

Tutte le info dello stage

Ultima modifica il Lunedì, 17 Ottobre 2016 20:21

Lascia un commento

Make sure you enter the (*) required information where indicated.Basic HTML code is allowed.

Seguici su Facebook

Iscriviti alla Newsletter KARATEKA.IT

Vuoi conoscere in tempo reale le novità del sito Karateka.it? Iscriviti alla newsletter! Un fantastico regalo per te!!
Riceverai al più presto il link per scaricare il tuo regalo!

Most Read