-

Posizioni estreme o naturali

Le posizioni del karate sono molte e tra loro differiscono in base allo stile e alla scuola. Spunti di riflessioni sulla differenza di scuole con posizioni estreme (lunghe) contro scuole con posizioni naturali.

posizioni-estreme-naturali

Lunghe posizioni con i muscoli al massimo della loro resistenza e con angoli al limite o posizioni corte, quasi in piedi? questo è il dilemma!

A seconda della tua provenienza e scuola darai una risposta diversa. Pratichi lo Shotokai allora prediligerai posizioni estreme, se pratichi uno stile Okinawense sicuramente avrai posizioni più naturali.

Vediamo insieme pro e contro delle versioni estreme e proviamo a trovare una risposta soddisfacente.

Chi ha allungato le posizioni del karate

Sai chi ha allungato le posizioni nello Shotokan? E’ stato il terzogenito figlio di Gichin Funakoshi: Yoshitaka detto Gigo. Se confrontate uno posizione di base dello shotokan tra le pubblicazioni del fondatore e le posizioni eseguite oggi dai grandi maestri e campioni noterete una grande differenza.

Gigo Funakoshi prende in mano il karate del padre e tra le variazioni che apporta c’è la posizione estrema!

Perché? sarebbe bello poterglielo chiedere, possiamo solo fare supposizioni.

Uno dei vantaggi delle posizioni più basse è sicuramente l’allenamento muscolare. Se hai provato 20′ minuti di kihon nelle posizioni lunghe sai di cosa parlo.

Ovviamente diremmo oggi che l’allenamento nelle posizioni estreme è utile al muscolo e potenzialmente dannoso alle articolazioni, alla zona lombare, alle ginocchia, etc. soprattutto se non hai una sufficiente mobilità specifica.

Ma questo Yoshitaka (Gigo) non lo sapeva e soprattutto aveva allievi e colleghi con caratteristiche fisiche estremamente adatte. Le articolazioni dei Giapponesi non sono quelle degli europei medi.

Ma non sempre le capacità del supernipponico si adattano al karateka medio. Inoltre i maestri che sono diventati per noi riferimento assoluto avevano, oltre le doti, praticato allenamenti durissimi per decenni.

Ma torniamo alle nostre posizioni estreme…

Leggi anche: Scopri il calcio frontale

Posizioni e muscoli

L’idea è quella che un allenamento in posizioni basse condizioni i muscoli per poter essere più performanti in posizioni più naturali.

Questo avviene ancora oggi nell’applicazione (Imi, bunkai o kumite) del karate che diviene più naturale rispetto alla forma. La posizione del kumiteka è decisamente più alta di quella ritrovata nel kata.

L’abbassamento del baricentro comporta maggiore stabilità e questo è il secondo vantaggio delle posizioni estreme. L’idea che sta all’origine è quella che il pugno è maggiormente efficace se la posizione è ben radicata.

Perché quindi siamo partiti da posizioni in piedi, poi leggermente allungate e poi estremamente allungate? Perché sono cambiate le motivazioni! E’ cambiata la finalità dell’efficacia.

Efficacia delle posizioni

Efficace per? Da un karate efficace per combattere (non agonisticamente) siamo passati ad un karate che fosse allenamento fisico (preparazione militare), poi competizione sportiva.

“L’idea di Funakoshi padre era di proseguire lungo la linea filosofica tradizionale del kata, mentre per Yoshitaka l’applicazione reale era il fattore più importante, per rendere il karate più forte e più efficace delle altre arti marziali”

Harada Sensei

Quindi “stare basso, fare forte” (cit. del maestro Nippo)

Negli anni ci siamo concentrati più sul come riuscire ad emulare quelle posizioni così difficili (bravo chi riesce), gradevoli (da vedere non da fare) che sul perché stavamo bassi.

posizioni-estreme-naturali-4

Ma anche nel Tai chi si sta bassi in posizione, anche nello yoga ci sono posizioni basse simili a quelle del karate… sì tutto vero! Ma in entrambi ci si muove lentamente!

Gli spostamenti in velocità sono quelli che mettono maggiormente a rischio le articolazioni e la sollecitazione concentrica ed eccentrica in posizione estreme non aiuta sicuramente ad eseguire un buon movimento. Indubbiamente è una sollecitazione muscolare in posizioni di ROM estreme per alcuni muscoli.

Ma quando ti muovi nella vita quotidiana, o quando ti difendi non avrai bisogno di utilizzare i muscoli in questi angoli esasperati.

Che ne dici adesso delle posizioni estreme?

Dicci nei commenti quale è il tuo pensiero!

 

Un commento su “Posizioni estreme o naturali”

  1. Alcuni decenni addietro, quando nella Federazione si badava essenzialmente a vincere nel kumite, i suoi grandi tecnici parlavano di fisiologia, e di quanto facessero male, a lungo andare, le posizioni estremamente basse volute dai giapponesi. Ad un certo punto in FIJLKAM si sono resi conto che potevano vincere anche le gare di kata. Da quel momento in poi nessuno si è più interessato della fisiologia e della salute degli atleti, bisognava vincere anche nei kata ed agli arbitri piacciono le posizioni basse.

     
    Rispondi

Lascia un commento

Iscriviti alla newsletter e ricevi la guida con tutte le mosse del Karate illustrate

La tua migliore E-mail